Caldaie con bruciatore a gassificazione

Per uso civile, industriale, agricolo e di teleriscaldamento.

CALDAIE CON BRUCIATORE A GASSIFICAZIONE

Le caldaie a gassificazione sono particolarmente adatte per impianti di media o grande potenza.
Le loro applicazioni sono molteplici e vanno dall’ uso civile (teleriscaldamento, alberghi, edifici in genere) a quello agricolo e di allevamento (serre o smaltimento pollina) e industriale (riscaldamento capannoni, edifici, essiccatoi per segherie, processi industriali ove necessitano di acqua calda o surriscaldata).
I materiali combustibili utilizzabili dal bruciatore a gassificazione sono molteplici e vanno dagli scarti di lavorazione dell’industria del legno al cippato boschivo dai residui di potature ai residui agricoli e non ultimo, l’utilizzo della pollina come ottimo smaltimento della stessa e utilizzo del calore derivato.
L’umidità massima consentita è del 60% a base secca, l’alta percentuale di umidità è consentita in questa tipologia di bruciatore grazie ai particolari processi termochimici che avvengono al suo interno.
Tramite il bruciatore a gassificazione che raggiunge una temperatura di funzionamento di circa 900 gradi C, la biomassa introdotta gassifica (syngas) e con opportuni sistemi riesce a trasformarsi in una fiamma all’ interno della camera di combustione della caldaia.

LA CALDAIA

LA CALDAIA a gassificazione è costruita con materiali e saldature di altissima qualità essa è collegata tramite una flangia al bruciatore gassificatore dal quale entra il gas (syngas) di combustione, in caldaia è presente una quantità d’ acqua sufficiente ed il sistema a vaso chiuso non necessita di rabbocchi e riempimenti;
il processo di funzionamento è estremamente semplice, il combustibile contenuto nel serbatoio di stoccaggio entra nel bruciatore gassificatore per mezzo di una coclea o altro sistema, il materiale inserito al suo interno, grazie alle alte temperature (900/1000° C.) inizia a semiossidarsi e a rilasciare il gas (syngas) in esso contenuto, tale gas viene immesso nella camera di combustione della caldaia la dove si incendia e genera il calore per il riscaldamento o surriscaldamento dell’acqua in essa contenuta, il sistema di funzionamento è completamente automatizzato, con potenze modulabili in base alla richiesta termica.

IL BRUCIATORE A GASSIFICAZIONE

Il bruciatore a gassificazione permette la combustione completa di segatura, scarti di lavorazione, sansa esausta di olive, gusci di mandorla, noci e nocciole, cippato vario, potature pollina o altra biomassa con umidità anche superiore al 60% b.s.
Il bruciatore gassificatore è corpo cilindrico e nella parte inferiore è presente una grata con un  canale per l’alimentazione del combustibile e per lo  scarico delle ceneri, che può avvenire in modo manuale o automatico.
Esso è costruito con uno spesso strato di materiale refrattario rivestito in acciaio e il relativo isolamento.

Al suo interno è situata una sonda di temperatura che verifica e trasmette i dati al   pannello di controllo permettendo così un maggiore controllo della combustione.
Le 2 ventilazioni (primaria e secondaria) installate sul bruciatore gassificatore
accelerano il processo di combustione e direzionano il flusso, esse sono controllate
dal pannello di controllo e dalla sonda lambda.

IL QUADRO DI CONTROLLO

Il quadro di controllo: fa funzionare automaticamente l’intero sistema.
1 – Regola la temperatura dell’acqua in caldaia , il carico del combustibile e la ventilazione primaria, secondaria e l’aspirazione dei fumi di scarico.
2 – Controlla l’avvenuta accensione e la temperatura all’interno del  gassificatore.
3 – Gestisce gli scarichi delle ceneri e la pulizia degli scambiatori.
4 – Effettua la modulazione della potenza termica e mantiene la depressione e il    tenore di ossigeno costanti.
5 – Comunica i dati di rilevamento tramite mod. bus per la tele gestione dell’impianto.

SONDE DI RILEVAMENTO

La sonda lambda: è una sonda all’ossido di zirconio, che rileva e trasmette al quadro di controllo i valori dell’ossigeno nei fumi di scarico. in questo modo otteniamo una regolazione in continuo della combustione e un aumento dell’efficienza globale.

La sonda fumi: rileva e trasmette al pannello di controllo i valori della temperatura dei fumi di scarico. In questo modo il pannello di controllo gestisce e trasmette degli allarmi nel caso di aumento eccessive delle temperature dei fumi.

Il camino deve essere scelto correttamente.
Le dimensioni adeguate del camino sono un requisito preliminare per la    sicurezza di un buon funzionamento della caldaia, nella versione ad elementi precoibentati in acciaio   inox o in acciaio autoportante (singolo pezzo)  installabile su basamento in cemento.

VANTAGGI

Rispetto ai tradizionali combustori, questo sistema ha notevoli vantaggi:
1.    Mancanza della griglia mobile con conseguenti minori manutenzioni e rotture;
2.    In caldaia non è presente alcuna volta in materiale refrattario, essendo la combustione generata esternamente nel bruciatore gassificatore;
3.    È installabile a vaso chiuso;
4.    Minori dimensioni d’ ingombro;
5.    Versatilità nell’ampio uso di combustibili diversi;
6.    Minor costo a parità di condizioni e utilizzo;

I NOSTRI SERVIZI E COSA FACCIAMO

CONSULENZA PER LA DIMINUZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI

Con il passare degli anni, il controllo e la gestione dei consumi energetici sta diventando uno dei primi obbiettivi per la sensibile riduzione dei costi fissi per qualsiasi attività.

Le figure professionali al nostro interno e la nostra esperienza sul campo, maturata da oltre 40 anni di attività nel settore dell’energia, è in grado di analizzare e centrare la miglior soluzione per le più svariate attività, sia che si tratti di industrie, centri commerciali, grandi catene di distribuzione, manifatture, complessi residenziali, aziende agricole, ect ect.

I clienti che si rivolgono a noi, possono quindi contare non solo su analisi di tipo prestazioni basate su proposte di nuovi prodotti, ma grazie a tecnici sul campo da anni e alle strumentazioni di misurazione di ogni tipo a disposizione dell’azienda, siamo in gradi di capire dove siano presenti “fuoriuscite incontrollate” di energia.

Non esitate a contattarci, potrebbe non essere un costo da investire, ma anzi, grazie a diversi tipi di incentivazioni sul risparmio energetico (vedi GSE, detrazioni, ENEA, certificati bianchi), i vostri esosi costi energetici potrebbero diventare le Vs. nuove opportunità di profitto.

PROGETTAZIONI E STUDI DI FATTIBILITÀ

Lo studio di fattibilità normalmente precede la fase di avvio di progetto. Quest’analisi semmai getta le basi e le premesse per decidere se un progetto debba o meno essere avviato.

La vasta realizzazione di grandi opere, nei diversi campi di applicazione e diverse destinazioni di utilizzo degli impianti, permette alla CTP PEROZZO IMPIANTI si poter dare un grosso contributo sia alla prima analisi su  più punti:

  • stima economica dell’opera in analisi confrontata con altre analoghe;
  • La scelta della giusta tipologia impiantistica da realizzare;
  • La pianificazione degli esborsi da finanziare per l’opera;
  • I costi di mantenimento dell’impianti;
  • Valutazione finale per decidere l’avvio dell’opera.

OTTENIMENTO DEI CERTIFICATI BIANCHI

L’azienda realizza centrali di produzione dell’energia ad elevata tecnologia per poter poi emettere i certificati di efficienza energetica (TEE).

PRATICHE AUTORIZZATIVE E GSE

L’azienda realizza da anni impianti incentivati dal GSE, il personale interno è quindi abituato a trattare e gestire le diverse e articolate pratiche per l’ottenimento degli incentivi dal gestore dei servizi energetici.

ASSISTENZA PER OTTENIMENTO DEI FINANZIAMENTI

Negli anni di lavoro l’azienda si è dovuta chiaramente confrontare con diverse realtà economiche e diversi istituti di credito.

Questa esperienza fa sì che in questi casi, si possa indirizzare e/o collaborare con il cliente per centrare o correggere l’investimento finanziario, calcolandone i tempi di ammortamento, di rientro dei capitali di investimento ed il risparmio economico.

IL POST VENDITA

•    Manutenzione  degli impianti;

•    Gestione  impianti termici di grossa taglia;

•    Telecontrollo e monitoraggio;

•    Servizio assistenza generale;

•    Gestione certificati  bianchi;

•    Rinnovamento o rifacimento degli impianti.

Vuoi saperne di più?